Blog di sceneggiatura
Pubblicato il da Courtney Meznarich

Qual è il momento giusto per mostrare la tua sceneggiatura? Questo sceneggiatore rivela le sue prime strategie di bozza

Lo capisco, ma come regista non sei lì per accontentare nessuno, nemmeno il pubblico. Sei lì per raccontare una storia, e non importa quanto sia difficile, quanto sia dura, devi dire quello che provi al riguardo.
Thiago Dadalt

Come sceneggiatore, può essere difficile sapere quando chiedere feedback sulla sceneggiatura. Ci hai lavorato a lungo, forse, e talvolta il feedback può rimandarti al tavolo da disegno. Quindi, è meglio mostrare a qualcuno la tua bozza in anticipo o aspettare che la sceneggiatura venga perfezionata per individuare i problemi prima di dedicare più tempo alla scrittura?

La strategia è diversa. Lo sceneggiatore premio Oscar Nick Vallelonga mi ha detto che non mostra mai la sceneggiatura a nessuno finché non è completa perché è come raccontare la sua storia, nel modo in cui vuole raccontarla. Ma il regista  Thiago Dadault  ha un'idea diversa, che spiega di seguito. Ti consiglio di provare un po' di entrambi per trovare quello che funziona per te. Come per qualsiasi cosa in questo settore, non esiste un modo giusto per affrontare una sceneggiatura finita (anche se molte persone potrebbero provare a convincerti del contrario).

Con un clic

Esporta uno script tradizionale perfettamente formattato.

Prova SoCreate gratuitamente!

Scrivi così...
...Esporta in questo!

Dadalt viene dal Brasile e fino a poco tempo fa scriveva le sue sceneggiature in portoghese. Attualmente sta lavorando al suo primo lungometraggio in lingua inglese, che potrebbe richiedere una tecnica di revisione delle bozze completamente diversa perché, come spiega Dadalt, "tradurre il linguaggio non significa solo tradurre le parole", ma anche il significato. Per i progetti attuali, come il suo cortometraggio " Duke " su un adolescente autistico che non ha avuto alcun contatto reale con la sua famiglia finché non ha iniziato a scrivere a macchina, Dadalt si affida a persone di fiducia che leggono le sue bozze di sceneggiatura. Ha scritto 12 bozze fino alla finalizzazione di "Duke".

"Lo mostro sempre prima alle persone con cui lavoro", ha detto Dadalt. “Credo che il miglior feedback provenga dalle persone con cui lavori, perché possono darti un vero modo di sentire e non hai la sensazione che qualcuno sia negativo o geloso di qualcosa. Di solito faccio leggere la sceneggiatura ai miei amici e al mio produttore esecutivo e, dopo il feedback, potrei cambiarla, oppure no. Dipende da come mi sento a riguardo."

"Duke" è stato particolarmente impegnativo, ha spiegato Dadalt, a causa della natura personale di una storia vera. Dadalt ha scritto la sceneggiatura dopo uno studio approfondito delle dinamiche familiari e delle interviste ai terapeuti. "La vera storia è davvero complicata", ha detto. “È la cosa più difficile; È come camminare sui gusci d'uovo."

Sapeva che la famiglia aveva bisogno di vedere la sceneggiatura prima di poter procedere con la produzione, quindi l'ha condivisa con loro fin dall'inizio.

"Dopo la seconda bozza, l'ho inviata alla famiglia", ha detto. "E devo dirtelo, a loro non è piaciuto. È stato un incubo. Pensavano che sarebbe stata una storia diversa."

Nonostante la reazione della famiglia, Dadalt ha detto di non aver ancora cominciato.

“Lo capisco, ma come regista non sei lì per accontentare nessuno, nemmeno il pubblico. Sei lì per raccontare una storia, e non importa quanto sia dura, quanto sia dura, devi dire quello che provi al riguardo."

Seguendo il progetto, Dadalt ha detto di aver realizzato un cortometraggio di cui la famiglia era orgogliosa. “Quando ho mostrato loro il primo taglio, hanno pianto. Lo adorano", ha detto.

"La chiave è scrivere qualcosa che ti ispiri", ha detto, "perché vuoi dire qualcosa che cambierà la vita di qualcuno".

Dalle bozze 1 a 100, stai cambiando vite, sceneggiatore!

Potrebbe interessarti anche...

Uno sceneggiatore premio Oscar e un drammaturgo entrano in SoCreate...

…ma non è uno scherzo! L’unica battuta finale qui è nelle sagge parole che lo sceneggiatore due volte premio Oscar 2019 Nick Vallelonga (The Green Book) e il famoso drammaturgo Kenny D’Aquila ci hanno concesso durante una recente visita al quartier generale di SoCreate a San Luis Obispo. Ci hanno dato un sacco di ottimi feedback sul software di sceneggiatura SoCreate e ci hanno insegnato alcuni trucchi del mestiere mentre erano qui (più video a riguardo più avanti). Siamo stati onorati di ospitare questi due partner nel crimine. Criminalità non organizzata, appunto. Questo è il titolo della loro ultima joint venture, una storia di mafia con un pizzico di umorismo...

Il fondatore di SoCreate, Justin Couto, presentato nel podcast Script2Screen

Il nostro fondatore e CEO Justin Couto è recentemente andato in onda per raccontare la storia di SoCreate e spiegare la nostra visione al conduttore di Script2Screen Alan Mehanna. Di solito ascolterai recensioni di film e TV allegre e positive nello show, ma Alan presenta di tanto in tanto altri personaggi interessanti dell'industria cinematografica, quindi siamo stati onorati di essere intervistati su SoCreate! Di seguito troverai la trascrizione del podcast. Ascolta il podcast e iscriviti a SCRIPT2SCREEN qui. Alan ha un master in sceneggiatura e insegna anche sceneggiatura, quindi ha molto da offrire ai suoi ascoltatori di scrittura. Alan Mehanna (AM)...

5 cose che gli sceneggiatori professionisti direbbero agli emergenti

La maggior parte degli scrittori che ce l’hanno fatta non edulcorano i fatti: guadagnarsi da vivere come sceneggiatore è difficile. Ci vuole talento. Ci vuole lavoro. E, cosa forse più importante, è necessario rialzarsi dopo essere stati abbattuti... ancora, ancora e ancora. Ma la ricompensa? Ne vale davvero la pena poter fare ciò che ami per vivere. Oggi vi forniremo alcuni consigli sulla sceneggiatura da parte di un professionista. Abbiamo avuto il piacere di incontrare lo sceneggiatore, drammaturgo, produttore e regista Dale Griffiths Stamos al San Luis Obispo International Film Festival. È anche un'insegnante di scrittura drammatica, quindi vede gli studenti che aspirano a vivere la loro passione ogni giorno. Ha alcuni validi consigli sulla sceneggiatura per loro...